Biografia

Claudia con Dharma

Claudia con Dharma

Claudia Liuzzi nasce a Conversano, un borgo medievale della provincia di Bari. Ha una vita movimentata, viaggia molto, studia Arte Drammatica a Roma poi dal ’93 si stabilisce a Milano. Qui la sua ricerca artistica si muove tra teatro, pittura e letteratura, avendo però in comune, un unico elemento, la poesia. L’incontro con Alberto Burri la incoraggia a esporre. “Le sabbie, le terre provenienti da ogni parte del mondo e dei sacchi di yuta con i quali i contadini raccolgono i frutti, ho cominciato ad utilizzarli sin dall’inizio della mia ricerca per la costante necessità di sentire il legame con le mie radici più profonde”. È presente un elemento esoterico nelle sue creazioni, che nasce come da un rituale alchemico, dove sono i versi a contenere le parole magiche che permettono la riuscita dell’incantesimo. “La poesia è la struttura dell’opera, i miei dipinti nascono da versi. Fisicamente questi sono presenti quasi in ogni opera ma io stessa li rendo graficamente illeggibili anche ai miei stessi occhi perché nel tempo io non ne abbia più memoria e possa leggere l’opera da un’altra prospettiva”. “È un grande insegnamento quello di Bert Hellinger, il quale sostiene che senza radici non si vola. Tenendo ben presente questo pensiero ed essendo consapevole che la vera casa siamo noi, per poterla abitare completamente, ho pensato che fosse necessario partire dal  recupero delle mie origini per potermene poi emancipare”. Per questo motivo, nel 2012 si trasferisce in Puglia tra Bari, Taranto, Martina Franca e il salento cercando i luoghi dei suoi antenati di cui si sono perse le tracce. “Ho percepito profondamente la forte assonanza che hanno rinascita e creazione e che questo fosse il viaggio necessario da intraprendere dopo la chiusura di un  cerchio. Poichè  credo nell’eterno divenire, ho pensato di lavorare sulla Resurrezione e sulla Genesi  intraprendendo uno studio dell’Antico Testamento per proporne una mia interpretazione”.  

BIO

Claudia Liuzzi was born in Conversano, a medieval village in the province of Bari. She has lived an active life, traveling a lot. She studied Drama in Rome and then in 1993 she moved to Milan. Her artistic research has encompassed theater, visual arts, and literature, with poetry threading together these disciplines. The meeting with Alberto Burri encouraged her to expose her paintings. “The different kinds of sands and the dirt from different parts of the world as well as the jute bags used by farmers to harvest fruit are some of the materials I used in my paintings since the beginning of my research. I had this constant need to feel a deeper connection with my roots and that was one way I expressed it in my work”. There is an esoteric element in her creations that seems to originate as if from an alchemic ritual. Verses seem to contain the magic words that allow for the success of the spell. “Poetry is the structure behind my work; my paintings are born from verses. These are physically present in almost each of my paintings but I purposely make them graphically unreadable so they will be unrecognizable even to my own eyes. In time I won’t remember them any longer and can interpret the work at hand from a different perspective”. “I take to heart Bert Hellinger’s lesson, who argues that without roots we cannot fly. Bearing this thought in mind and being aware that we are the true home, in order to be able to live in it fully, I thought it necessary to start from the recovery of my roots before I could free myself from them”.   So in 2012 she moved back to Puglia, traveling through Bari, Taranto, Martina Franca and in the Salento region, looking for traces of her ancient ancestors. “I deeply felt the strong assonance between Rebirth and Creation, and that this was a journey that needed to be taken after the completion of a cycle. As I believe in the eternal becoming, I thought I’d work on Resurrection and Genesis, undertaking a study of the Old Testament to propose my own interpretation of it”.