Mostre/Stampa

 

CASE AQUILONE, 2013

CASEAQUILONE, 2013

 

 

L'amore bianco, Tecnica mista su tela, 120 x 65

 Esposizioni/ Exhibits

2015, Castello Aragonese, Taranto

2015, Sport Hotel Tyrol Innichen (BZ)

2014, Hotel Villa Stefania Innichen (BZ)

2014, Martina Franca (BA) Palazzo Ducale, Sala D’Avalos

2014, Taranto, Banca Mediolanum

2013, Taranto, Confcommercio Ascom, per A.I.S.Puglia

2012, Taranto, Palazzo d’Ayala Valva

2011, Milano, Università Bocconi

2011, Muro Leccese (LE),

2008, Spazio Mostre Anadema, Milano

2007, Milano, Fondazione “Carlo Besta” mostra permanente

2007, Illustra “Succot” di Mariella De Santis Edizioni Bocca

2004, Milano, Cantiere Bovisa

2003, Milano, Spazio Anadema

2002, Bergamo, Spazio Donizetti

1999, Lugano, Galleria Spalding

 

 

 

 

 

Claudia Liuzzi

 

 

AQUILONI VOLANO SU TARANTO

MEdi@terraneo News, LUNEDÌ 27 GENNAIO 2014 16:35

TARANTO – «Caseaquilone». È questo il titolo della mostra di Claudia Liuzzi, artista nativa di Conversano (Ba), attrice, poetessa e scrittrice. Case di sogni infantili e
adolescenziali, case in cui essere accompagnata, case promesse. C’è sempre, nelle opere di Claudia Liuzzi, una partenza e un ritorno. Al paese, al sud, al mare, agli affetti
autentici, alla casa appunto.
Toni decisi e pennellate violente, su tele che rappresentano un percorso dell’anima spesso contorto e non sempre nitido. Il tempo della memoria e quello della psiche, si mescolano nelle stratificazioni dei supporti lignei, di contenute dimensioni o piuttosto grandi. Il racconto delle caseaquilone avviene attraverso accostamenti materici e cromatici. Sulle tele infatti molti sono i materiali adoperati. Carte di riso, orditure di lino nero, brandelli di juta, scaglie di sughero, carta di seta. Gli acrilici si coagulano accanto a taches rubino-granate di vino pugliese, grumi di polvere rossa di bauxite o dorata di pietra leccese e granellini di sabbie ferrose del Ticino.
Non solo le immagini, ma i materiali stessi servono all’artista per ricordare l’infanzia trascorsa in Svizzera, la complessa adolescenza e l’intera sua vita nomade e alla ricerca della verità. L’andare altrove in questo ossimoro di staticità e volo, rivela l’immedesimarsi dell’artista nella sua fantasia ricorrente: «Essere una casa aquilone, è ciò che ho sempre desiderato. Sono sempre stata un’anima errante che ha trovato rifugio nella terra dell’anima, rifiutando tutto l’aspetto terreno con tutto ciò che ne consegue…. il mio corpo ad un certo punto si è fermato, si è ammalato, così ho cominciato a considerare di dover fare un percorso inverso, radicarmi nella terra! Non capivo come avrei potuto farlo se non attraverso il mio lungo viaggio in puglia alla ricerca delle origini, il modo migliore per potermi radicare era quello di vivere la terra, il vino e i sacchi di yuta, dopo questa produzione, ho sentito l’esigenza di emanciparmi dalle origini dando vita a CASEAQUILONE che rappresenta il ritorno nella casa dell’anima, finalmente sono un
albero che ha doppie radici. In cielo e in terra».

 MARIATERESA TOTARO

 

 

La Casa dell'Amore Senza Supplica, 2013

LA CASA DELL’AMORE SENZA SUPPLICA, 2013                                                                                                                                

 

 

oggiconversano.it

zero99hd-blogspot-it

claudia-liuzzi-espone-alla-bocconi

 

 

LA CASA D'ACQUA, 2013

LA CASA D’ACQUA, 2013                                                                                                                                                                             

 

 

 

 

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s